IL RAME

Le qualità del rame

  • conduttività elettrica
  • estetica
  • tutela dell’ambiente

Il rame è, dopo l’argento, il miglior conduttore elettrico.
I tubi di rame sono fini e i loro raccordi sono più discreti di quelli in acciaio o in plastica.
Il rame è interamente riciclabile, contribuendo pertanto alla tutela dell’ambiente e delle risorse naturali.
Fa parte di un processo di sviluppo sostenibile e delle iniziative del settore dell’edilizia volte alla tutela dell’ambiente.
Il rame è inoltre il primo materiale per le condutture per l’alimentazione degli impianti di acqua sanitaria e di riscaldamento ad essere oggetto di una scheda di Tutela Ambientale e Sanitaria (FDES).

Il rame elimina il 95% dei batteri*
Sia nei condomini che nelle case private, gli impianti sanitari possono costituire un terreno fertile per lo sviluppo della legionella. Nonostante il fatto che attualmente nessun sistema di condutture sia in grado di garantire una protezione totale contro i batteri, va constatato che nelle condutture in rame questi organismi si sviluppano con maggior difficoltà.

  • Prima peculiarità osservata : è risultato estremamente difficile mantenere in vita batteri introdotti nelle condutture in rame. Sono state necessarie iniezioni ripetute di batteri in quantità assai elevate rispetto a quelle di altri materiali.
  • Seconda constatazione : gli effetti della temperatura. Dai 25° C (all’uscita dei miscelatori), il rame ha un effetto che non si riscontra in altri materiali.
    Mentre a questa temperatura i batteri non vengono più rilevati nella rete in rame, questo non avviene con l’acciaio inox, il polietilene reticolato e il PVC-c.

L’unica protezione passiva per usi domestici

Per gli impianti domestici dove la temperatura dell’acqua calda sanitaria non deve superare 50°C al punto di prelievo nelle stanze da bagno e 60°C nelle altre stanze (2), questo studio del KIWA evidenzia chiaramente che la scelta del materiale è importante.

I batteri della legionella sono stati rilevati regolarmente negli ultimi anni in impianti privati e, in alcuni casi in Olanda, tali impianti sono stati identificati come causa dell’infezione. Anche se le autorità non considerano che il rischio sia di massima importanza per quanto riguarda gli impianti domestici, in questo contesto il rame va senz’altro considerato come una protezione passiva efficace.

(2) Ai sensi della decisione del 30 novembre 2005 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 15 dicembre 2005.